5VR

Domande frequenti sui giochi, guide strategiche e tutorial

Autore: Xenomorph

Anello Elden: come invadere i mondi degli altri giocatori per PvP

Come se i giochi da software non fossero abbastanza difficili, Elden Ring riporta l’amata meccanica invasione, consentendo agli utenti di invadere altri mondi.

Nell’anello Elden, i giocatori si trovano ad affrontare contro le probabilità schiaccianti, i capi tremendi e ambienti mortali. Tuttavia, a volte i tuoi nemici più pericolosi possono essere altri giocatori.

Come il franchising della Dark Souls, Elden Ring offre ai giocatori la capacità di trasportarsi nei mondi di altri giocatori, sia che siano disposti a combattere o meno.

Una volta lì, sei in grado di impegnarsi in un duello PvP alla morte, per un po ‘di ragione diversi da non festeggiare altri appannato nella loro ricerca.

Assicurati di sapere come funzionano sorezze e incantesimi nell’anello Elden per difendersi dai nemici invasori!

E sapendo dove trovare tutte le ceneri di Elden Ring’s Spirit Ashes convocate, ti darai un alleato affidabile in battaglia.

Leggi di più: L’anello Elden ha le impostazioni di difficoltà: puoi cambiarli?

Come funzionano le invasioni? Elden Ring PvP ha spiegato

L’invasione dell’anello Elden è un meccanico con cui i giocatori possono viaggiare nei giochi degli altri utenti. E mentre l’anello Elden è principalmente un titolo a giocatore singolo, PvP è interamente possibile nelle terre tra.

I giocatori dovrebbero sapere che Co-op & Multiplayer è possibile in Elden Ring, se sei il tipo di giocatore che si diverte a giocare con gli amici. Ma anche anche il combattimento PvP, e non sempre ti dici quando è tempo per questo.

Tuttavia, c’è un modo per disattivare le invasioni a ring di Elden, se un giocatore non sarà disposto a rendere il loro gioco più difficile.

Per invadere il mondo di un altro giocatore, avrai bisogno di un dito insanguinato. Se utilizzato, questo articolo tenterà di contaminarti in un regno nemico, dove ti verrà il compito di sconfiggere l’ospite di dita.

Diffidare; Altre convocazioni possono essere lì per aiutare l’host, e solo sconfiggendo il tuo obiettivo sarà completa la tua missi1. Inoltre, il tuo utilizzo complessivo di pallone verrà tagliato a metà mentre invadendo, mettendoti in svantaggio.

Una cosa con cui devi lavorare è fantasima le dita sanguinose che, se usate, ti riposizionerà in una nuova posizione relativamente rapidamente. Usando l’oggetto del teletrasporto potrebbe darti illustrativo di cui hai bisogno per guarire e ricongiungere la lotta.

Non avrai bisogno di invasione per sbloccare nessuno dei trofei o dei risultati dell’anello di Elden. Tuttavia, ti suggeriamo sicuramente di darlo un andare, se solo per aiutare a prepararti meglio a prepararti per gli invasori nemici del tuo!

Assicurati anche di imparare come funzionano le posizioni energetiche dell’anello Elden, e ti sconfisse l’ospite di dita in pochissimo tempo.

Elden Ring PvP: Solo Invasions MUST change because of mount, but

Dovresti anche provare e ottenere il maggior numero possibile di punti focalizzati utilizzando questo metodo per essere una forza inarrestabile in combattimento!

La linea passata del gioco Xbox di febbraio

La formazione di Game Pass di questo mese è trapelata, secondo l’utente Billbil-Kun di Dealebs. Ecco i giochi segnalati per la direzione del servizio di gioco di abbonamento di Microsoft nella seconda metà di febbraio:

Power On: The Story of Xbox | Chapter 5: The Red Ring of Death

  • Total War: Warhammer 3 (PC): disponibile dal 17/02/2022
  • Roboquest.
  • Madden NFL 22
  • Super Mega Baseball 3
  • Civiltà galattiche 3

Mentre questi sono riportati piuttosto che conferme ufficiali, il prolifico perdeler ha previsto correttamente sia PS Plus che Xbox Game Pass line-up davanti alla loro rivelazione ufficiale negli ultimi mesi. Con Total Warhammer III ancora da rilasciare, il PC-Exclusive vede un altro giorno una versione di rilascio diretta direttamente al servizio di abbonamento di Microsoft. L’inclusione dell’amato gioco sportivo di EA Madden NFL 22 è anche notevole, consentendo agli abbonati di giocare la versione più aggiornata della Sim Football americano prima di Madden NFL 23 lancia questo agosto.

Mentre questi sono riportati piuttosto che conferme ufficiali, il prolifico perdeler ha previsto correttamente sia PS Plus che Xbox Game Pass line-up davanti alla loro rivelazione ufficiale negli ultimi mesi. Con Total Warhammer III ancora da rilasciare, il PC-Exclusive vede un altro giorno una versione di rilascio diretta direttamente al servizio di abbonamento di Microsoft. L’inclusione dell’amato gioco sportivo di EA Madden NFL 22 è anche notevole, consentendo agli abbonati a giocare la versione più aggiornata della Sim Football americano prima di Madden NFL 23 lancia questo agosto.

Madden non è l’unico gioco sportivo che si unisce al servizio, con l’Arcade-Y Super Mega Baseball 3 elimina anche una corsa a casa per i fan dello sport americano. Questa formazione Superbowl-Ready segue nelle notizie che l’imminente MLB lo spettacolo 22 si unisce a giocare il gioco il giorno. C’è sicuramente un tema che si sviluppa qui…

Con il servizio di abbonamento di Microsoft accumulare oltre 25 milioni di utenti, il gioco del gioco non sembra mostrare alcun segno di rallentamento. Seguendo l’annuncio di Microsoft Acquisition Game Publisher Activision Blizzard, ha rivelato che prima a lungo, il catalogo posteriore di Activision si fa strada sul servizio:

“Alla chiusura, offriremo a tanti giochi di Activision Blizzard, poiché possiamo entrare in Xbox Game Pass e PC Pass, sia nuovi titoli che giochi dal catalogo incredibile di Activision Blizzard,” Xbox Head Phil Spencer ha scritto, in un comunicato stampa.

Mentre Nintendo ha rivelato il suo switch Nintendo N64 Expansion Pack, PlayStation è stato relativamente silenzioso sul fronte di abbonamento. Eppure con PS ora le carte vengono tirate dai negozi, molti stanno specuendo che PlayStation cercherà presto la propria versione di Game Pass. Mentre i giochi sembrano sempre più sembrano seguire il modello Netflix, le acquisizioni probabilmente continueranno a venire.

HDMI 2.1A è in arrivo. Ecco cosa devi sapere

La maggior parte dell’industria A / V – e la maggior parte delle persone che acquistano prodotti A / V – stanno ancora arrivando con il modo in cui le varie funzionalità di HDMI 2.1 influiscono su TV, SOUNDBARS e un tutto su altri dispositivi. Ma non puoi fermare i progressi, e la prossima versione dello standard HDMI – noto come HDMI 2.1A – ha già iniziato il suo rotolo lento verso la certificazione e l’eventuale adozi1. Che cosa include questa nuova specifica, come ti influenzerà e cosa ti servirà se vuoi approfittarne? Abbiamo tutto il necessario per saperlo.

Contenuti

  • Un piccolo aggiornamento per un piccolo gruppo di persone
  • Qual è la mappatura del tono di origine (SBTM)?
  • Perché vorresti un dispositivo di origine per fare la mappatura del tono?
  • Voglio davvero un dispositivo esterno che fa la mappatura del tono?
  • L’aumento del computing HDR
  • I giocatori sono i veri vincitori
  • Aspetta, cosa succede se guardo Netflix (o qualche altro servizio di streaming) utilizzando un’app sulla mia Smart TV?
  • HDMI 2.1A è disponibile ora?
  • Cosa avrò bisogno per HDMI 2.1A?
  • Significa che devo acquistare nuovi prodotti?
  • Come farò sapere se un nuovo prodotto supporta HDMI 2.1A?
    Mostra 6 articoli più

un piccolo aggiornamento per un piccolo gruppo di persone

La prima cosa che dovresti sapere su HDMI 2.1A è che probabilmente non ne hai bisogno. Come aggiornamento minore alla specifica HDMI 2.1, introduce solo una nuova funzionalità: Mappatura del tono basato su origini (SBTM).

Entreremo in quello che SBTM è e come funziona in un momento, ma ecco il TL; DR: a meno che tu non sia un giocatore alla ricerca del massimo delle prestazioni HDR o un utente PC che lavora regolarmente con una combinazione di SDR e HDR Contenuto, puoi tranquillamente ignorare HDMI 2.1A per un lungo periodo di tempo per venire. Non è necessario acquistare nuove attrezzature e non devi preoccuparti della compatibilità con la nuova versione.

Cos’è la mappatura del tono di origine (SBTM)?

Prima di entrare nella mappatura dei toni basati su Source, descrivessiamo rapidamente tone Mapping. La mappatura del tono è un processo che si svolge all’interno di una TV e da pochissimi monitor informatici. Tale processo esamina il segnale video in entrata e determina come dovrebbe essere presentato utilizzando le funzionalità del display. Il display è interessato principalmente a tonalità, saturazione e luminanza – i tre principali elementi di costruzione di colori, contrasto e luminosità.

Abbastanza spesso, il materiale sorgente possiederà valori per tonalità, saturazione e luminanza che superano ciò che il televisore può visualizzare – questo accade più spesso con contenuti ad alto intervallo dinamico (HDR).

Quindi il display deve prendere alcune decisioni su come tradurre i valori “fuori dai limiti” in qualcosa che può riprodurre. È raramente perfetto – i compromessi devono essere fatti – ma quando è ben eseguito, riesci a vedere una versione del film o del programma TV che sembra il più vicino possibile al materiale originale. Questa è la mappatura del tono in poche parole.

In questo momento, un dispositivo di origine come un lettore multimediale in streaming, un lettore Blu-ray o una console di gioco è in grado di determinare se un display collegato può gestire i segnali HDR o meno, ma non rende altre regolazioni al segnale che invia.

Mappatura del tono basato su sorgente Modifica ciò lasciando un display comunicare la sua tonalità, la saturazione e le funzionalità di luminanza tornano al dispositivo di origine, che a sua volta consente al dispositivo di origine eseguire la mappatura del tono prima che il segnale abbia mai raggiunto il display collegato.

Perché vorresti un dispositivo di origine per fare la mappatura del tono?

Sotto la visione normale – dì quando si guarda un film o un programma televisivo – il televisore è perfettamente in grado di valutare il segnale in arrivo e facendo la necessaria mappatura del tono perché questo contenuto si adatta perfettamente a una delle due caselle: standard dinamico standard (SDR) o HDR. In ogni caso, la TV sa come eseguire la mappatura del tono.

Ma ci sono alcune situazioni in cui viene chiesto la TV per visualizzare due tipi di contenuti contemporaneamente. Un esempio classico è la schermata iniziale di un’app streaming, come Netflix, Amazon Prime Video o Disney +. Mentre la grafica (pulsanti, menu, ecc.) Potrebbe essere presentato in SDR, potrebbero esserci miniature video o altri elementi sullo schermo che sono in HDR.

Che può creare un enigma per la TV. Se inizialmente, tutti gli elementi su schermo sono SDR, il display sceglierà un set corrispondente di valori di tonalità, saturazione e luminanza per farli sembrare il più bravo possibile. Ma se, mentre scorri le opzioni, viene visualizzato un elemento HDR – forse come miniatura animata per uno spettacolo – il display è costretto a regolare nuovamente questi valori poiché cerca di preservare l’aspetto dei componenti HDR. Ma come lo fa, gli elementi SDR possono diventare compromessi e possono finire per sembrare opaco e senza vita.

Lo stesso può accadere al contrario.

La cosa è che il display non sa in realtà che ha a che fare con le piccole finestre HDR all’interno di un’interfaccia SDR. Manca la consapevolezza contestuale che avrebbe permesso di eseguire la sua mappatura del tono in un modo che è stato ottimizzato per entrambi i tipi di contenuti.

In teoria, il dispositivo sorgente – in questo caso il lettore multimediale in streaming – capisce perché c’è questo mix di SDR e HDR, e comprende persino quale di questi elementi dovrebbe prendere la precedenza quando viene eseguita la mappatura del tono. Eviterebbe anche l’errore di cambiare costantemente la mappatura del tono mentre il mix di elementi HDR e SDR cambiano nel tempo. Quando si arma con la conoscenza delle capacità di un display (via SBTM) può assicurarsi che l’immagine che il display sia visualizzato ha il giusto equilibrio per tutti gli elementi sullo schermo.

Voglio davvero un dispositivo esterno che fa la mappatura del tono?

Come abbiamo spiegato sopra, in circostanze ideali, un dispositivo di origine dovrebbe essere in grado di eseguire una mappatura del tono migliore rispetto a un display, perché comprende il contesto visivo e capisce le funzionalità di un display.

Ma ciò non significa necessariamente che il tuo dispositivo di origine farà effettivamente un lavoro migliore alla mappatura del tono rispetto al tuo display. La mappatura del tono può essere un processo computazionalmente impegnativo e dato che diversi dispositivi sorgente possiedono diversi livelli di potenza di calcolo, non è irragionevole pensare che alcuni di questi dispositivi facciano un lavoro migliore rispetto ad altri. Un Apple TV 4K (2021) ha molto più potere di un ROKU Streaming Stick 4k, ad esempio, e una PlayStation 5 ha molto più potere di un Apple TV 4K.

Dallo stesso token, alcuni televisori hanno funzionalità straordinarie di elaborazione delle immagini (modelli di punta di LG, Sony e Samsung sono tutti superbi a questo proposito). Quindi la tua decisione sul fatto che SBTM sia o no

L’ascesa di HDR Computing

SBTM può anche aiutare quando si tratta di contenuti della gamma dinamica mista sui computer. Se si collega il computer a un display in grado di HDR tramite HDMI, e la scheda grafica del computer può gestirlo, è possibile vedere il contenuto di HDR. Proprio come nell’esempio di Netflix sopra, potrebbero esserci momenti in cui avrai il contenuto di HDR in una finestra, il contenuto di SDR in un’altra finestra, insieme a tutti gli elementi dell’interfaccia utente del computer, che sono grafici generati dal sistema operativo.

In un ambiente così complesso, un display HDR dovrà ancora una volta bisogno di prendere decisioni attorno alla mappatura del tono, e come nella situazione Netflix, tali decisioni potrebbero influire negativamente sull’esperienza di visi1. SBTM fornisce al computer la possibilità di sovrascrivere la mappatura del tono del display mentre si assicurano contemporaneamente di ottenere il pieno vantaggio delle funzionalità del display HDR.

Sfortunatamente, gran parte di questo è ancora solo teorico. La stragrande maggioranza del calcolo è ancora fatta in SDR. I computer portatili che hanno schermi HDR-incorporabili non hanno bisogno di SBTM, e se il tuo monitor esterno non è in grado di HDR, non ci sarà un sacco di vantaggio per SBTM. Forse, soprattutto, il computer e il display devono supportare HDMI 2.1A (ed essere connessi tramite HDMI) per realizzare questi vantaggi – e non vi è alcuna indicazione che le aziende che rendono questi dispositivi stiano per saltare a bordo.

I giocatori sono i veri vincitori

Netflix potrebbe non essere d’accordo, ma non penso che troppe persone saranno agitate se i video di riproduzione automatica che si presentano mentre stanno navigando per qualcosa da guardare non guardare il meglio.

I giocatori, d’altra parte, hanno una ragione legittima per preoccuparsi di come i loro display eseguono la mappatura del tono in quanto può avere un effetto dannoso sulla loro esperienza di gioco quando è fatto male.

In alcuni giochi, una mancanza di dettagli dell’ombra può far perdere un avversario sullo schermo in agguato in un angolo. In un gioco da corsa, una mancanza di dettagli in una regione luminosa dello schermo potrebbe muovere una piegata in arrivo sulla strada o la presenza di un’altra auto. Entrambi questi esempi possono e accadono quando un display deve capire quali parti di un’immagine HDR più importa.

In effetti, gli sviluppatori di giochi trascorrono molto tempo determinando la mappatura del tono appropriato per ogni scena per garantire che i livelli di luminosità migliorano il loro intento invece di stendarlo da esso. E quando la mappatura del tono incorporato della TV decide di modificare la presentazione basata sulla propria comprensione di una scena, può annullare il lavoro di un sviluppatore.

È una cosa quando questo accade in un gioco HDR che stai giocando in modalità standalone, ma è un problema molto diverso quando si gioca contro qualcun altro. Se il tuo rivale è la TV per fare un miglior lavoro di mappatura del tono rispetto al tuo, potrebbe dare loro un vantaggio competitivo.

Questo problema – di giochi HDR in modo accurato e costantemente tono su un’ampia varietà di TV – è stato considerato un grande affare abbastanza che nel 2018, Microsoft (Xbox), Sony (PlayStation), LG e Vizio formino il gruppo di interessi di gioco HDR (HGIG) Nel tentativo di dare agli sviluppatori di giochi un modo standardizzato per fare la mappatura del tono basato sulla fonte. Inviando le caratteristiche di visualizzazione tornano alla console o al PC tramite HDMI, un gioco potrebbe essere il tono mappato in modo coerente per tutti i televisori e i monitor.

HGig alla fine ha contato dozzine di aziende chiave tra i suoi membri, tra cui Activision, Ubisoft e Google (solo per citarne alcuni). Ma l’adozione delle raccomandazioni di HGIG è stata discutibile e, a partire da oggi, non c’è ancora una serie di standard di settore per le aziende da seguire.

Le cose sembrano un po ‘cupo per l’iniziativa di Hgig, ma potrebbe non avere importanza. Se la console, il PC e i produttori televisivi adottano HDMI 2.1A (che è lontano da una garanzia in questo momento) SBTM controllerà la maggior parte delle scatole che HGig aveva immaginato.

Aspetta, cosa succede se guardo Netflix (o qualche altro servizio di streaming) utilizzando un’app sulla mia Smart TV?

Buona domanda, ovviamente stai facendo posizione di questa intera cosa SBTM. Nel caso in cui tu usi solo le app integrate sulla tua smart tv, la mappatura del tono basata sulla sorgente non ti influenza affatto.

Le app di streaming native sono sviluppate da terze parti specificamente per un determinato sistema TV e operativo, ad es. A 2022 LG OLED TV in esecuzione webos. Quindi il processo di mappatura del tono è già ottimizzato in quanto può ottenere. Infatti, se tutti i contenuti che abbiamo visualizzato sui nostri televisori provenivano dalle app native, non avremmo bisogno di SBTM.

HDMI 2.1A disponibile ora?

No. A partire dal 2022 febbraio, la specifica sta ancora facendo strada attraverso il processo di certificazione e nessun produttore ha dichiarato il supporto per SBTM. Il forum HDMI, che sviluppa nuovi standard HDMI, prevede di rilasciare HDMI 2.1a entro la fine del marzo del 2022. In teoria, tutti i prodotti che sono aggiornati dal firmware-aggiornabili alle nuove specifiche potrebbero vedere tali aggiornamenti successivi in ​​qualsiasi momento dopo questa data, quindi In mente che potrebbe richiedere del tempo per fare i test che sarebbero necessari. Probabilmente non vedremo nuovi prodotti che rilevano SBTM come funzionalità fino al 2023.

Cosa avrò bisogno per HDMI 2.1A?

Se vuoi approfittare di SBTM per una migliore esperienza multimediale o di gioco (o entrambi), tutti i tuoi dispositivi dovranno essere aggiornati a HDMI 2.1A. Ciò include la console di gioco, il dispositivo multimediale in streaming o altre fonti esterne, il televisore o il monitor, e qualsiasi dispositivo come ricevitori A / V o babioni sonore che potrebbero sedersi tra la TV e la tua fonte nella catena HDMI.

significa che devo acquistare nuovi prodotti?

Non necessariamente. Si prevede che la maggior parte dei dispositivi di origine e dei display venduti negli ultimi anni saranno aggiornati del firmware per supportare HDMI 2.1A, ma non abbiamo modo di sapere esattamente quali aziende e quali prodotti lo faranno. Non c’è anche alcuna garanzia che solo perché la tua TV è fisicamente in grado di lavorare con HDMI 2.1A, il produttore sceglierà di emettere un aggiornamento.

È anche molto improbabile che dovrai sostituire i tuoi cavi HDMI esistenti. SBTM utilizza la segnalazione estesa dei dati di identificazione del display (EDID) per comunicare le funzionalità di un display a un dispositivo di origine collegato e EDID è stato parte delle specifiche HDMI dalla versione 1.0.

Come saprò se un nuovo prodotto supporta HDMI 2.1A?

L’amministratore di licenze HDMI, che supervisiona il modo in cui i prodotti capaci a HDMI sono commercializzati, ha una regola piuttosto chiara che i prodotti come TV e set-top box non sono autorizzati a dire semplicemente che supportano HDMI 2.1. Invece, sono obbligati a elencare le specifiche funzionalità HDMI 2.1 che supportano, ad es. HDMI Earc, frequenza di aggiornamento variabile (VRR), 4K @ 120Hz, ecc. Lo stesso sarà vero per HDMI 2.1A – dovrai cercare qualche tipo di menzione della mappatura del tono basato su sorgente nella descrizione o nelle specifiche del prodotto.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén